Successo, nonostante il maltempo, per il primo raggruppamento casalingo del Rugby Club Pasian di Prato. In campo tutte le categorie del minirugby, con la sola esclusione dell’Under 6. La pioggia intensa ha consentito ai piccoli atleti di vivere il divertimento del rugby… allo stato puro.

UNDER 8. L’U8 schiera due squadre, una dei grandi  e una con i piccoli. La prima riesce a spazzare via anche il fango, senza risparmiare niente e nessuno. I piccoli, invece, hanno giocato contro bambini più grandi di loro e si sono fatti un po’ fermare dalla paura, ma comunque si sono difesi e divertiti. Questo, alla fine, è quello che conta. “Continueremo a lavorare per farli crescere e maturare”, commentano i tecnici, “mentre con i grandi inizieremo a introdurre cose più avanzate”.


UNDER 10. Nonostante il terreno pesante, le due squadre U10 delle Linci, schierate per età e competenze, sono riuscite a fare un buon gioco, a tratti con aggressività sportiva, sorprendendo anche allenatori e accompagnatori. La formazione 2, più tecnica, pur inserendo elementi nuovi e ragazzi saliti dall'U8, ha dominato il concentramento con giocate di pregio e rifiniture da manuale. La squadra 1, con atleti meno esperti e alcuni veterani, ha dimostrato di essere all'altezza delle altre compagini regionali, mostrando un gioco vivace, basato sul possesso della palla e con spunti di velocità. Molto gradito il tuffo finale nelle pozze d’acqua: il vincitore è l’allenatore Claudio, che ha planato a 13 metri di distanza… tutto di pancia!


UNDER 12. Nel primo appuntamento tra le mura del polisportivo Pasian di Prato, l’U12 si misura con il Venjulia Trieste e la squadra mista formata da elementi di Black Ducks Gemona, Juvenilia Bagnaria Arsa e Tricesimo. Il direttore di raggruppamento propone un girone con andata e ritorno, in modo da alternare più volte le avversarie. I pasianesi forniscono una buona prestazione in tutti gli incontri e dimostrano di applicare bene quanto testato in allenamento. In particolare, hanno dato prova di essere molto uniti, con azioni corali, nelle quali ognuno ha dato il massimo per la squadra. “C’è materiale su cui lavorare e spazi per migliorare”, commentano i tecnici, “ma sicuramente la base di partenza è molto buona. La prossima settimana ci aspetta la trasferta a Castelfranco Veneto con un raggruppamento Under 12”.

Categorie di news:

Go to top